Nord Corea, Kim Jong Un e tutti gli elementi del mistero intorno alla sua scomparsa
Nord Corea, Kim Jong Un e tutti gli elementi del mistero intorno alla sua scomparsa

 Continua il mistero su Kim Jong-un, scomparso dalla vita pubblica dall'11 aprile. Quello è stato l'ultimo giorno in cui i media di Stato hanno parlato delle attività del leader nordcoreano, che aveva presieduto un incontro del politburo del partito. Da allora, il silenzio. Ne sono derivate voci su problemi di salute, malattie e morte. E mentre le ipotesi continuano a circolare, un treno che apparterrebbe a Kim è stato fotografato dai satelliti in un suo complesso di Wonsan, sulla costa orientale. Le immagini sono state scattate da 38 North, sito web specializzato sulla Corea del Nord. Non danno informazioni sullo stato di salute del leader ma confermerebbero quanto afferma Seul, cioé che Kim non sarebbe a Pyongyang. Il governo sudcoreano ha anche più volte indicato che non ci siano elementi inusuali tali da far pensare a problemi di salute di Kim. Lo strettissimo controllo sulle informazioni sulla leadership da parte di Pyongyang rende praticamente impossibile per gli 'esterni' sapere che cosa accada al potere. Tanto che nel dicembre 2011, quando Kim Jong-il morì, il mondo lo seppe quando i media di Stato lo annunciarono due giorni dopo.

 Ma questo non basta a fermare le speculazioni, per cui decisiva è stata l'assenza del leader alle commemorazioni del 15 aprile. È la festa nazionale più importante, in cui si commemorava quest'anno il 108esimo anniversario della nascita di Kim Il Sung, nonno dell'attuale leader e fondatore della Corea del Nord. Kim è la terza generazione della famiglia a guidare il Paese e, da quando è salito al potere nel 2011 dopo la morte del padre, non era mai mancato alle celebrazioni. La stabilità della nazione, impoverita e dotata di armi nucleari, dipende molto dalla salute del leader, venerato quasi come una divinità dalla popolazione. Ma per vari esperti il Paese non affronterebbe disordini anche se Kim non potesse più governare o fosse morto: la potente sorella Kim Yo Jong lo sostituirebbe velocemente, anche se gli sviluppi di lungo periodo resterebbero incerti.

 Secondo le immagini satellitari, il treno di Kim sarebbe arrivato il 21 aprile a Wonsan e vi sarebbe rimasto fino al 23, quando sarebbe stato spostato per poter poi ripartire. "La presenza del treno non prova nulla su dove si trovi il leader nordcoreano, né indica alcunché sulla sua salute, ma conferma che potrebbe essere in una zona riservata sulla costa", afferma 38 North. Per gli Usa questo non basta a far modificare le analisi su Kim, ha dichiarato una fonte ufficiale anonima, parlando di mere "voci". Danny Russel, ex direttore del Consiglio sicurezza nazionale Usa, ha anche avvertito che da anni si susseguono voci sulla famiglia, quasi sempre rivelatisi false.

I media di Stato nordcoreani restano intanto in silenzio sulla salute del leader. Unica novità sabato, quando l'agenzia ufficiale Kcna ha detto che Kim ha ricevuto un messaggio dalla Russia in occasione del primo anniversario del summit con il presidente Vladimir Putin. Nel messaggio, le autorità russe hanno augurato a Kim "buona salute e felicità", secondo l'agenzia. Non è tuttavia la prima volta che Kim scompare dalla vita pubblica e, in passato, si sono diffuse analoghe voci sulla sua salute. Nel 2014 accadde quando i media non diedero notizia di sue attività pubbliche per circa sei settimane, dopo le quali il leader riapparve e camminava aiutandosi con un bastone da passeggio. L'agenzia di spionaggio sudocoreana affermò in seguito che era stato operato per una ciste all'anca.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata