Nord Corea: Cia e 007 Seul hanno provato a uccidere Kim Jong Un
Secondo l'agenzia di stampa di Stato Kcna, i servizi segreti avrebbero tentato di assassinarlo con una sostanza bio-chimica

La Corea del Nord accusa la Cia degli Stati Uniti e i servizi di intelligence della Corea del Sud di avere provato ad assassinare il leader Kim Jong Un con una sostanza bio-chimica. È quanto si legge sull'agenzia di stampa di Stato nordcoreana Kcna. Secondo Kcna, il tentato assassinio con sostanze bio-chimiche e radioattive risalirebbe al mese scorso. Il ministero della Sicurezza di Stato di Pyongyang, in una nota, afferma che la Cia avrebbe reclutato un cittadino nordcoreano nell'estremo oriente russo nel 2014 e lo avrebbe addestrato per assassinare Kim Jong Un durante la sua partecipazione a eventi pubblici il 15 aprile, nell'ambito delle celebrazioni per il 105esimo anniversario della nascita del leader fondatore Kim Il Sung. Kcna riferisce che la spia, di cui viene fornito il cognome Kim, residente a Pyongyang, avrebbe ricevuto equipaggiamento, denaro e istruzioni per compiere l'omicidio.

In risposta al presunto complotto, la Corea del Nord ha minacciato di lanciare un "attacco anti-terrorismo" contro le agenzie di intelligence di Stati Uniti e Corea del Sud. "Scoveremo e distruggeremo fino all'ultimo terrorista della Cia" e dell'intelligence sudcoreana, fa sapere Pyongyang tramite Kcna.

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata