Nobel per la Pace a 3 donne

Il Nobel per la Pace 2011 è stato assegnato a tre donne: Ellen Johnson Sirleaf, presidente della Liberia, l'attivista liberiana Leymah Gbowee e la giornalista yemenita Tawakkul Karman. Tre donne premiate, scrive il comitato per l'assegnazione del Nobel, "per la loro lotta non violenta per la sicurezza delle donne e il diritto delle donne alla piena partecipazione al processo di costruzione della pace". Attribuendo il premio alla Karman, che oltre a guidare il gruppo Women journalists without chains si è distinta anche per aver organizzato le recenti rivolte in Yemen, il comitato per i Nobel sembra aver riconosciuto gli effetti della primavera araba; citare direttamente le rivolte sarebbe stato più problematico.

Johnson Sirleaf, 72 anni, è un'economista e ha studiato ad Harvard. Nel 2005 è diventata il primo presidente donna della Liberia democraticamente eletto e affronterà nuove elezioni questo mese. Quando ha assunto l'incarico era ampiamente considerata una riformatrice, ma recentemente gli oppositori la accusano di comprare voti e usare i fondi del governo per la campagna elettorale. Il comitato dei Nobel ha citato gli sforzi della Johnson Sirleaf per garantire la pace nel suo Paese, promuovere lo sviluppo economico e sociale e rafforzare la posizione delle donne. "Non possiamo ottenere democrazia e pace durevole nel mondo a meno che le donne non ottengano le stesse opportunità degli uomini per influire sullo sviluppo a tutti i livelli della società", afferma il comitato.

La seconda premiata, l'attivista liberiana Leymah Gbowee ha organizzato un gruppo di donne cristiane e musulmane per sfidare i signori della guerra in Liberia. Nel 2009 ha vinto il Profile in Courage Award per il lavoro nell'incoraggiare le donne del suo Paese, martoriato da una guerra civile conclusasi nel 2003. Alla Gbowee è stato riconosciuto di aver mobilitato le donne "al di là delle divisioni etniche e religiose per contribuire alla fine della lunga guerra in Liberia e di aver garantito la partecipazione delle donne alle elezioni".

La terza donna insignita del premio Nobel per la pace, la giornalista e attivista yemenita Tawakkul Karman, ha 32 anni e ha guidato il gruppo Women journalists without chains. Residente a Taiz, nel sud dello Yemen, si è distinta nell'organizzazione delle proteste iniziate a gennaio contro il presidente Ali Abdullah Saleh. Fa parte del partito islamico Islah e suo padre è stato ministro per gli Affari legali sotto Saleh. "Sono davvero molto contenta di questo premio, lo dedico ai giovani della rivoluzione in Yemen e al popolo yemenita", ha commentato ad Associated Press.

Il presidente del comitato per l'assegnazione dei Nobel, Thorbjoern Jagland, ha sottolineato tuttavia che il lavoro della Karman è iniziato prima delle rivolte della primavera araba. "Molti anni prima che le rivoluzioni cominciassero lei si è sollevata contro uno dei regimi più autoritari e autocratici del mondo", ha detto Jagland ai giornalisti. Tawakkul Karman, madre di tre figli, è stata arrestata a gennaio e detenuta per poche ore con l'accusa di aver guidato le proteste contro Saleh; poi è stata liberata dopo le pressioni dei manifestanti sulle autorità per il suo rilascio. "Conserveremo la dignità del popolo e il suo diritto di abbattere il regime", aveva detto lo scorso febbraio ad Associated Press durante un corteo a Sanaa.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata