Nigeria rinvia elezioni, Onu chiede voto credibile e trasparente

New York (New York, Usa), 8 feb. (LaPresse/Xinhua) - Il segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon ha chiesto che siano compiuti sforzi per elezioni "credibili, libere e trasparenti" in Nigeria. Ieri il Paese africano ha annunciato un rinvio delle elezioni generali previste per il 14 febbraio, fissandole al 28 marzo, e citando ragioni di sicurezza. Il responsabile dell'Onu ha lanciato l'appello in un comunicato emesso dal suo portavoce a Riad, capitale dell'Arabia Saudita, dove Ban Ki-moon è in visita.

Il segretario ha chiesto "alle autorità elettorali di prendere tutte le misure necessarie, come la rapida distribuzione delle rimanenti carte da elettori permanenti, per rendere possibile per tutti i cittadini, inclusi quelli sfollati, di esercitare il loro diritto di voto tempestivamente", si legge nel comunicato. "Questo è imperativo per assicurare elezioni credibili, libere e trasparenti". Il segretario generale dell'Onu ieri ha parlato al telefono con il presidente nigeriano Goodluck Jonathan.

Secondo il comunicato il capo dell'Onu ha incoraggiato sia il presidente che il candidato dell'opposizione Buhari a rispettare l'accordo di Abuja che hanno adottato e che li impegna alla non violenza, alla pace e alla tolleranza durante le consultazioni elettorali. "Egli guarda alle autorità nigeriane, affinché rispettino il loro impegno ad assicurare elezioni libere da violenze e mettano in atto adeguate misure di sicurezza in modo che i cittadini nel Paese possano esercitare i loro doveri civici in sicurezza e senza paura", recita il comunicato.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata