Netanyahu al Congresso Usa: Con questo accordo Iran avrà armi nucleari

Washington (Usa), 3 mar. (LaPresse) - "Se l'accordo in via di negoziazione sarà accettato dall'Iran, non impedirà che ottenga armi nucleari, ma anzi lo garantirà". Lo ha detto il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, parlando al Congresso degli Stati Uniti, aggiungendo che quella proposta "prevede due grandi concessioni a Teheran". "La prima è lasciare l'Iran con un vasto programma nucleare e la seconda è sollevare le restrizioni sul programma in circa un decennio. Ecco perché quell'accordo è così sbagliato: non ferma il cammino dell'Iran verso la bomba nucleare, ma costruisce il suo cammino verso di essa", ha dichiarato il premier israeliano, invitato a parlare al Congresso americano dallo speaker della Camera John Boehner, in una decisione che ha alzato la tensione con l'amministrazione Obama.

Netanyahu ha definito l'accordo in via di negoziazione "un cattivo accordo", sottolineando che non è vero che "l'unica alternativa sia la guerra": "Ci è stato detto che l'unica alternativa è la guerra. Non sono d'accordo, l'alternativa è un accordo migliore", ha affermato, descrivendo le caratteristiche che il patto dovrebbe avere. Ha elencato: un accordo accettabile "non lascia l'Iran con grandi infrastrutture nucleari", "mantiene restrizioni sul programma nucleare sinché l'aggressione iraniana finirà", "non darà all'Iran una facile via verso la bomba".

Mentre al Congresso il discorso del premier israeliano è stato accompagnato da diverse standing ovation e da ripetuti e lunghi applausi, l'amministrazione Obama lo ha criticato quasi subito tramite un funzionario. "Chiedere semplicemente che l'Iran capitoli non è un piano e nessun altro Paese ci sosterrebbe su una posizione del genere. Il primo ministro Netanyahu non ha proposto alcun piano d'azione concreto", ha detto il funzionario, parlando a condizione di anonimato. Stessa posizione per il presidente Barack Obama, che ha fatto sapere di non aver assistito in diretta al discorso ma di averne letto la trascrizione, come era stato annunciato. Nel commentarlo, Obama ha detto di "non avervi trovato nulla di nuovo" e ha sottolineato che il leader israeliano non ha offerto alternative percorribili con cui impedire che l'Iran si doti di armi nucleari. Nel suo lungo discorso, Netanyahu aveva anche ampiamente ringraziato Obama per il suo sostegno a Israele: "Apprezziamo moltissimo tutto quello che il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha fatto per Israele". Aveva proseguito: "La notevole alleanza tra Israele e Usa è sempre stata al di sopra della politica e dovrà sempre restarlo, perché i due Paesi condividono un destino comune fatto di terre promesse, libertà desiderata e speranza".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata