Nave Diciotti, Salvini: "O interviene l'Europa o riaccompagneremo i migranti in Libia"
Il ministro Toninelli sulla nave Diciotti con 177 persone a bordo attacca Malta: "Ancora inqualificabile. L'Ue si faccia avanti". E interviene la Farnesina

La nave Diciotti torna al centro della polemica politica fra Italia, Malta ed Ue. L'imbarcazione della Guardia Costiera è da ormai quattro giorni nelle acque al largo di Lampedusa in attesa di un porto dove sbarcare i 177 migranti che ha a bordo. Al momento però il semaforo resta rosso.
Secondo il ministro dei trasporti, Danilo Toninelli, mentre Diciotti "dimostra che Italia non si tira mai indietro quando si tratta di salvare vite umane" il comportamento di Malta è "ancora una volta inqualificabile e meritevole di sanzioni". Allo stesso tempo l'esponente del Movimento 5 Stelle chiama in causa l'Europa che deve "farsi avanti" altrimenti "non ha motivo da esistere".

A spalleggiarlo nel ruolo di 'uomo forte' sul tema migranti arriva il ministro dell'Interno, Matteo Salvini che mette in luce come gli "80mila sbarchi in meno dall'inizio dell'anno e 32mila in meno in quasi due mesi e mezzo da ministro".

Risultati che soddisfano ma non accontentano il numero uno del Viminale che lancia una provocazione. "O l'Europa decide seriamente di aiutare l'Italia in concreto, a partire ad esempio dai 180 immigrati a bordo della nave Diciotti, oppure saremo costretti a fare quello che stroncherà definitivamente il business degli scafisti. E cioè riaccompagnare in un porto libico le persone recuperate in mare".

La risposta di Malta ai due esponenti del governo italiano è altrettanto netta. "Se l'Italia vuole ancora trattare questo caso come un #salvataggio, Lampedusa rimane il luogo più vicino di sicurezza secondo le convenzioni applicabili", dice il ministro dell'Interno maltese Michael Farrugia.

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata