Nato: Catturato in Afghanistan uno dei leader della rete Haqqani

Kabul (Afghanistan), 1 ott. (LaPresse/AP) - La Nato annuncia di aver catturato in Afghanistan Haji Mali Khan, uno dei leader della rete terroristica Haqqani. L'uomo, identificato come zio di Siraj e Badruddin Haqqani, due dei figli del leader della rete, Jalaludin Haqqani, è stato catturato martedì in un'operazione della stessa Alleanza nella provincia orientale di Paktia, al confine con il Pakistan. Il gruppo terroristico ha base in Pakistan. È affiliata sia ai talebani che ad al-Qaeda ed è considerata la principale minaccia alla sicurezza in Afghanistan.

La Nato, che definisce la cattura un passo significativo nella lotta contro la rete, spiega che Khan si è arreso senza resistenza e che al tempo stesso sono stati arrestati il suo vice e guardia del corpo, assieme ad alcuni altri insorti. L'uomo, continua l'Alleanza, "era uno dei membri di vertice della rete Haqqani e un anziano riverito del clan. Aveva lavorato direttamente per Siraj Haqqani, gestito basi e controllato operazioni sia in Afghanistan che in Pakistan". Khan ha anche spostato forze dal Pakistan all'Afghanistan per portare a termine attività terroristiche. "Jalaluddin Haqqani - continua la Nato - aveva posto Mali Khan in una posizione di grande importanza". Negli anni passati si era stabilito in un campo militante a Paktia per "coordinare il trasferimento di denaro per operazioni di insurrezione e condurre l'acquisto di rifornimenti".

"La rete Haqqani e i suoi rifugi sicuri - conclude la Nato - sono una delle priorità per le forze afghane e della coalizione". Il comunicato della Nato spiega che le forze di sicurezza hanno condotto oltre 500 operazioni nel 2011 per combattere Haqqani. In queste sono morti 20 operativi e sono stati catturati quasi 300 leader e 1.300 sospetti membri della rete. La scorsa settimana l'ammiraglio americano Mike Mullen aveva accusato i servizi segreti pakistani di avere legami con il gruppo terroristico e di aver collaborato con esso agli attacchi contro obiettivi occidentali in Afghanistan.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata