Migranti, salgono a 133 i corpi ritrovati sulla costa libica
Lo comunica la Mezzaluna Rossa

 È salito a 133 il numero dei corpi ritrovati sulle coste della città libica di Zuwara negli ultimi giorni. Lo ha annunciato il portavoce della Mezzaluna Rossa, Al-Khamis al-Bosaifi, spiegando che i tre quarti dei migranti erano donne. Almeno cinque i bambini. Nessun documento è stato ritrovato sui corpi, in avanzato stato di decomposizione, ma secondo al-Bosaifi si tratterebbe di persone provenienti dall'Africa sub-Sahariana. Un funzionario della sicurezza locale ha aggiunto che è molto probabile che i migranti siano partiti dalla città di Sabratha, da dove sempre più spesso salpano i barconi carichi di persone che hanno versato centinaia di dollari nelle mani dei trafficanti.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata