Migranti, Onu: Chi respinge siriani è miglior alleato dell'Isis

New York (New York, Usa), 22 dic. (LaPresse/Reuters) - Chi rifiuta di accogliere i rifugiati siriani è "il miglior alleato" dello Stato islamico e degli altri estremisti. Lo ha dichiarato l'alto commissario delle Nazioni unite per i Rifugiati, Antonio Guterres, parlando al Consiglio di sicurezza Onu. Ha aggiunto che i profughi non possono essere incolpati perché rischiano le loro vite per fuggire dal terrorismo. "Quelli che respingono i rifugiati siriani, specialmente se sono musulmani, sono i migliori alleati della propaganda e del reclutamento dei gruppi estremisti", ha detto Guterres, in un riferimento a Donald Trump, candidato alla nomination Gop per la Casa Bianca, ad alcuni governatori di Stati americani e leader europei. Trump qualche settimana fa ha causato indignazione proponendo di imporre il divieto di ingresso negli Usa ai musulmani. "Non dobbiamo dimenticare che, nonostante la retorica che ascoltiamo in questi giorni, i rifugiati sono le prime vittime di quel terrorismo, non la loro fonte", ha dichiarato Guterres. Ha poi precisato che, secondo un sondaggio Onu su 1.200 siriani fuggiti in Europa, l'86% di loro ha un diploma di scuola secondaria e la metà è laureata. E, a questo proposito, ha commentato sul futuro della Siria: è una "enorme fuga di cervelli", si possono "solo immaginare le disastrose conseguenze che questo esodo avrà sulla futura ricostruzione post-conflitto".

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata