Migranti, 40 reporter fermati a confine macedone
Tra loro anche un fotoreporter di LaPresse, erano al seguito dei profughi che hanno attraversato senza autorizzazione la frontiera con la Grecia

La polizia macedone ha arrestato un gruppo di circa 40 giornalisti europei al confine, tra cui un fotografo di LaPresse, per "ingresso illegale" al seguito dei migranti che hanno attraversato senza autorizzazione la frontiera con la Grecia. Lo ha fatto sapere lo stesso fotoreporter di LaPresse che è tra gli arrestati e che attualmente si trova al commissariato di Gevgelija, in Macedonia. I reporter dovranno pagare una multa di circa 200-250 euro e riceveranno probabilmente il foglio di via. I giornalisti sono arrivati in Macedonia al seguito di circa mille profughi, ha raccontato, che dal campo profughi di Idomeni hanno percorso una strada secondaria e guadato un fiume.

In territorio greco, i profughi sono stati bloccati da agenti che li hanno poi lasciati proseguire sino alla fine della barriera metallica. "Eravamo una quarantina di giornalisti assieme ai migranti, siamo stati fermati dai militari macedoni che ci hanno sequestrato le macchine fotografiche e trasferiti, prima a un posto di polizia e poi al commissariato di Gevgelija, dove siamo ora", ha raccontato il fotografo.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata