Midterm, apatia nell'elettorato ispanico: gli insulti di Trump lo risveglieranno?

Secondo gli esperti, molti Latinos, più che vendicarsi alle urne, sceglieranno di non votare

Trafficanti di droga, stupratori, criminali, "serpenti avvelenati" responsabili dei problemi della società americana. Il presidente americano, Donald Trump, ha dipinto gli immigrati latinoamericani come il nemico pubblico numero uno, nei comizi e nei tweet in vista delle elezioni di metà mandato. Nonostante ciò, gli elettori ispanici sembrano non mostrare interesse a vendicarsi alle urne: i sondaggi non prevedono che vadano in massa alle urne per togliere al Gop il controllo del Congresso.

Secondo gli esperti, i ripetuti insulti di Trump non hanno avuto l'effetto di spingere i Latinos verso il partito democratico. Li hanno piuttosto convinti a non votare. "Nel 2016 molti analisti avevano descritto i commenti dell'allora candidato Trump contro gli immigrati texani e gli ispanici come un possibile motivatore perché i Latinos andassero alle urne: invece l'affluenza era calata", dice Mark Hugo Lopez, direttore delle ricerche su immigrazione e demografia al Pew Research Center. In più, il 30% degli ispanici finì per votare per Trump.

Gli ispanici registrati al voto sono 29 milioni nelle elezioni di Midterm, dove tutti i 435 seggi della Camera sono in ballo e un terzo lo è al Senato, oltre ai governatori di 36 Stati. Scottati dall'errore delle previsioni del 2016, molti analisti ora sono più cauti. "Resta da vedere che cosa accadrà quest'anno. I Latinos potrebbero essere più interessati a votare, ma ci sono molti indicatori per cui forse il tasso d'affluenza non crescerà rispetto al 2014", ha aggiunto Hugo Lopez. Al voto di metà mandato di quell'anno l'affluenza fu solo del 27% per quella fascia, dato basso secondo il Pew Resarch Center.

Si finisce in un circolo vizioso: meno i Latinos si mobilitano, meno i partiti spendono per rispondere alle loro preoccupazioni. E quindi, l'apatia cresce ulteriormente. Gli elettori ispanici sono più inclini a votare per i democratici, ma questi "non stanno facendo abbastanza per raggiungerli", secondo Christine Marie Sierra, docente emerita di Scienze sociali all'Univerità del New Mexico. "Continuiamo a sentire che vogliono raggiungere le classi lavoratrici bianche o le donne bianche in alcuni sobborghi", dice, "va bene ma non è dov'è la base: per i democratici la base è nelle comunità di colore, devono investire di più specialmente con i Latinos per superare la mancanza di partecipazione".

L'organizzazione no-profit Latino Decisions stima che il 63% degli ispanici intende votare, ma anche che oltre la metà non è stata contattata da alcun politico a livello locale. "Quelli che vengono più contattati voteranno con maggior probabilità, quelli meno coinvolti o del tutto esclusi probabilmente non lo faranno", dice David Ayon, dell'organizzazione. A complicare le cose c'è il fatto che il voto degli ispanici è tutt'altro che un blocco monolitico, spiega Hugo Lopez: comprende un mosaico di comunità diverse, con affiliazioni di partito non necessariamente legate al Paese d'origine delle persone. I repubblicani, ad esempio, godono del sostegno della maggioranza del cubani americani, comunità che si è opposta duramente al comunismo nell'isola. I veterani dell'esercito e gli evangelici dell'America centrale sono ugualmente più vicini al Grand Old Party.

Questo scenario rende difficile fare previsioni, soprattutto in alcune sfide elettorali. E le domande restano quindi aperte. Gli elettori nati in Messico che vivono in Texas si schiereranno in massa per l'irlandese-americano Beto O'Rourke, per fargli sconfiggere il rivale cubano americano e arciconservatore, Ted Cruz? I portoricani che si sono trasferiti in Florida dopo l'uragano Maria faranno salire l'ago della bilancia in favore dei democratici?
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata