Messico, rilasciato boss narcotraffico Caro Quintero: Usa protestano

Città del Messico (Messico), 10 ago. (LaPresse/AP) - Un rilascio che sta facendo discutere anche oltre confine. È quello del padrino del narcotraffico messicano, Rafael Caro Quintero, 61 anni, liberato ieri dopo 28 anni dietro le sbarre. A esprimere preoccupazione e indignazione sono soprattutto gli Stati Uniti. L'uomo era stato infatti condannato a 40 anni di carcere per il rapimento e l'omicidio di un agente della Drug Enforcement Administration, Enrique Camarena, avvenuto nel 1985. Ma questa settimana una corte federale del Messico ha ordinato il suo rilascio, poiché il narcotrafficante sarebbe stato erroneamente processato in un tribunale federale.

Il 61enne è uscito dal carcere nello Stato occidentale di Jalisco ieri mattina, dopo aver scontato i 28 anni di detenzione inflitti per altre accuse. Il dipartimento di Giustizia Usa ha definito la situazione "profondamente preoccupante" e si dice "estremamente deluso da questo risultato".

Molto contrariata anche l'Associazione degli ex agenti federali della narcotici degli Usa che si è detta "indignata" dal rilascio dell'uomo e punta il dito contro il sistema della giustizia messicana che definisce corrotto. "Il rilascio di questo violento macellaio - spiega in una nota - non è altro che un ulteriore esempio di come gli sforzi di buona fede da parte degli Usa per lavorare con il governo messicano possano essere frustrati da quelle potenti forze oscure che lavorano nell'ombra del sistema di 'giustizia' messicano". La Dea intanto conferma che "continuerà con vigore i suoi sforzi per garantire che Caro Quintero affronti la giustizia negli Stati Uniti per i crimini che ha commesso".

Il boss è stato membro fondatore, assieme a Miguel Angel Félix Gallardo, del cartello di Guadalajara, uno dei primi del narcotraffico messicano che puntava a introdurre droga negli Usa. Si tratta inoltre del primo gruppo di questo tipo ad aver lavorato con i narcos della cocaina colombiani e divenne poi parte del più ampio gruppo chiamato Federazione.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata