Messico, resti di 167 persone appartengono a cimitero di 1.300 anni fa

Città del Messico (Messico), 11 mar. (LaPresse/AP) - I resti di 167 persone trovati in una caverna nel sud del Messico appartengono a un cimitero pre-ispanico risalente a 1.300 anni fa. Lo ha fatto sapere Emilio Gallaga dell'istituto antropologico nazionale, aggiungendo che i primi risultati dei test mostrano che i resti di una ancora non specificata comunità pre-ispanica risalgono all'ottavo secolo. Gallaga ha spiegato che insieme agli scheletri sono stati trovati artefatti. I procuratori dello Stato del Chiapas hanno annunciato ieri il ritrovamento nel ranch Nuevo Ojo de Agua, in una zona spesso usata dai migranti per viaggiare verso nord. Agricoltori della zona avevano allertato le autorità la scorsa settimana.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata