Messico, first lady venderà villa acquistata da appaltatore governo

Città del Messico (Messico), 19 nov. (LaPresse/AP) - La first lady messicana Angelica Rivera, moglie del presidente Enrique Pena Niento, ha annunciato che venderà la casa acquistata da una compagnia che ha appalti multimilionari con il governo nazionale. Un caso, sollevato dall'inchiesta del giornalista Carmen Aristegui, che ha scatenato critiche contro il governo in un momento difficile per le autorità messicane. In una dichiarazione pubblicata sul proprio sito internet, l'ex attrice Rivera ha spiegato di essere riuscita ad acquistare l'abitazione grazie a quanto guadagnato attraverso il suo lavoro. "Non ho niente da nascondere. Ho preso la decisione di vendere le mie partecipazioni nel contratto di acquisto della casa", ha affermato nel videomessaggio.

Attualmente la casa risulta ancora di proprietà dell'azienda, la Ingenieria Inmobiliaria del Centro, sussidiaria del Grupo Higa, appaltatore chiave del governo. Questo perché Rivera deve ancora finire di pagarla. Pochi giorni prima che lo scandalo venisse alla luce, l'amministrazione guidata da Pena Nieto aveva cancellato un contratto nel settore ferroviario concesso a un consorzio che comprendeva anche Constructora Teya, altra compagnia del Grupo Higa. Rivera spiega di aver incontrato Juan Armando Hinojosa, la cui famiglia è proprietaria del gruppo e di aver iniziato a programmare la costruzione della casa nel 2009, in base alle proprie possibilità economiche dopo 25 anni di lavoro con Televisa. All'epoca era già la compagna di Pena Nieto, allora governatore dello Stato del Messico, dove il Grupo Higa e le sue società satellite ricevettero concessioni di progetti di costruzione per 600 milioni di dollari. La coppia si è sposata nel 2010, mentre Pena Nieto è stato eletto nel 2012. Nel video pubblicato ieri, Rivera spiega di aver pagato la casa 4 milioni di dollari (mentre l'inchiesta parla di un valore 7 milioni) con un contratto di otto anni, a un tasso di interesse del 9%, e afferma di aver pagato finora circa il 30% di quello che deve.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata