Messico, arrestato boss della droga Hector Beltran Leyva

Città del Messico (Messico), 2 ott. (LaPresse/AP) - Le forze speciali messicane hanno arrestato il boss della droga Hector Beltran Leyva, leader del cartello che porta il suo nome e uno degli uomini più ricercati nel Paese. Il 49enne è stato fermato in un ristorante nella città di San Miguel de Allende, nello Stato centrale di Guanajuato. Nessun colpo è stato esploso durante il blitz, deciso dopo un'indagine durata 11 mesi. Secondo le autorità messicane, Hector Beltran Leyva assunse la guida dell'omonimo cartello dopo l'uccisione del fratello Arturo da parte di soldati nel 2009. Altri due fratelli sono in carcere per accuse legate al narcotraffico. L'arresto di Beltran Leyva è un nuovo colpo per i signori della droga messicani; a febbraio era stato catturato infatti Joaquin 'El Chapo' Guzman, leader del cartello di Sinaloa.

Il cartello Beltran Leyva aveva terrorizzato per molti anni alcune zone centrali del Messico, tra cui lo Stato di Morelos, pur essendosi indebolito dopo l'arresto degli altri tre fratelli. A novembre scorso il dipartimento del Tesoro Usa aveva fatto sapere che il cartello si stava riorganizzando e sembrava aver riacquistato una parte del potere di una volta. Insieme a Hector Beltran Leyva i soldati messicani hanno preso in custodia un altro uomo, sospettato di coinvolgimento nella gestione delle finanze del cartello. "Questa azione dimostra l'efficacia della politica di sicurezza del governo, mirata a raggiungere in Messico la pace che tutti desideriamo", ha twittato il presidente messicano Enrique Pena Nieto.

Beltran Leyva, ha riferito il capo dell'unità investigativa criminale Tomas Zeron, aveva adottato un "profilo moderato" dopo essere diventato il leader del cartello, in modo da evitare l'arresto. Il boss si era infatti trasferito nello Stato centrale di Queretaro, facendosi passare per un rivenditore di opere d'arte e immobili. Zeron ha fatto sapere che sono ancora in corso i test del Dna necessari per confermare l'identità di Beltran Leyva, ma ha fatto capire chiaramente che non ci sono dubbi che l'uomo arrestato è il boss narcotrafficante. L'indagine, ha aggiunto, era stata condotta da varie agenzie di sicurezza, ma il 49enne è stato arrestato da militari.

Le autorità statunitensi avevano offerto una taglia da 5 milioni di dollari per informazioni che potessero portare alla cattura di Beltran Leyva, incriminato da tribunali di Washington e New York. Anche il governo messicano aveva offerto una taglia da 3,7 milioni di dollari per il suo arresto. Il cartello Beltran Leyva è responsabile di traffico di droga, soprattutto cocaina, marijuana, eroina e metamfetamina, negli Stati Uniti e in Europa. Inizialmente faceva parte del cartello di Sinaloa, ma si separò dal gruppo di Guzman nel 2008.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata