Merkel: Batteremo terrorismo, pronti a innalzare sicurezza
La stretta dopo attacchi: "Tutto per difendere nostro Stato di diritto"

Agli attacchi che hanno sconvolto la Germania risponde con fermezza e decisione la cancelliera Angela Merkel. "Valuteremo dove saranno necessarie misure supplementari", ha dichiarato Merkel senza entrare per il momento nei dettagli e spiegando che il ministro dell'Interno dovrà fare delle proposte insieme ai ministri dell'Interno dei Lander.

"Se ci sono lacune dobbiamo agire. Sia chiaro che facciamo tutto l'umanamente possibile per garantire la sicurezza nel nostro Stato di diritto", ha affermato. La cancelliera ha però elencato alcuni dei punti sui quali bisognerà intervenire: per esempio "dobbiamo avere un migliore sistema di attenzione che renda possibile alle autorità di individuare gli accenni di radicalizzazione già durante la procedura di asilo"; e bisognerà anche intervenire sulla decodificazione delle comunicazioni su internet.

LEGGI ANCHE Monaco, Papa: Un terribile fatto di violenza

VINCEREMO LA SFIDA. "Sono sicura che riusciremo a compiere il nostro compito storico" gestendo la nuova sfida che si indica con le due parole "terrorismo islamistico", ha proseguito la cancelliera. Affronteremo "la nuova sfida del terrore islamistico e la supereremo anche", ha continuato Merkel: "applicheremo le misure necessarie, renderemo chiaro che vogliamo dare sicurezza ai nostri cittadini e vogliamo dominare la questione integrazione e superarla".

FERMI SUI NOSTRI PRINCIPI. "Noi restiamo sui nostri principi, cioè l'articolo 1 della Costituzione secondo cui la dignità dell'uomo è intoccabile. E diamo asilo alle persone che fuggono dalla guerra, in base alla Convenzione di Ginevra sui rifugiati". 

"Abbiamo a che fare con una grande prova. Accanto a noi c'è il terrore. Abbiamo avuto profughi come mai dopo la Seconda guerra mondiale e, dopo i fatti della notte di Capodanno a Colonia e gli attacchi recenti, ci chiediamo: ce la facciamo veramente a superare questa grande prova?", ha detto Merkel. La risposta: "Questo è l'altro lato oscuro della globalizzazione e noi restiamo sui nostri principi", ha proseguito appunto la cancelliera, ribadendo quanto detto sei mesi fa, cioè che "la Germania è un Paese forte". "Tutto ci emette alla prova. Viene messo alla prova il nostro modo di vivere, la comprensione di libertà e sicurezza, ma i due valori dobbiamo sempre riportarli in equilibrio", ha concluso la cancelliera.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata