Merkel apre a nozze gay: Sì a voto deputati secondo coscienza
Ammorbidisce la sua posizione in vista delle elezioni legislative

La cancelliera tedesca, Angela Merkel, apre all'ipotesi di una legge che permetta le nozze gay in Germania, ammorbidendo la sua posizione in vista delle elezioni legislative del 24 settembre, su una questione che i potenziali partner di una coalizione hanno posto come condizione. L'annuncio è giunto ieri sera nel corso di un evento ospitato dal magazine 'Brigitte', in occasione del quale Merkel ha detto di avere preso nota della posizione di altri partiti a favore dei matrimoni gay e ha suggerito che i parlamentari dovrebbero votare secondo coscienza e non in base alle posizioni di partito. Sia i socialdemocratici della Spd, che attualmente sono al governo con Merkel con la cosiddetta 'Grosse Koalition', sia i liberali dell'Fdp, sia i Verdi, sono potenziali partner di coalizione dopo il voto di settembre e hanno chiarito che le nozze gay sarebbero una delle condizioni per l'alleanza.

 Rispondendo all'annuncio, il leader della Spd Martin Schulz, sfidante di Merkel per il ruolo di cancelliere, ha detto addirittura che il suo partito spingerà questa settimana per un voto in Parlamento. Se i deputati conservatori potessero votare secondo coscienza, un testo su questo tema potrebbe facilmente essere approvato al Bundestag. Le unioni civili fra persone dello stesso sesso sono legali in Germania dal 2001, ma ancora non lo sono i matrimoni.

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata