Medioriente, zio ragazzo israeliano ucciso: Un omicidio è un omicidio

Gerusalemme, 3 lug. (LaPresse/AP) - "Non c'è nessuna differenza tra il sangue arabo e quello ebreo. Un omicidio è un omicidio". Lo ha detto Yishai Fraenkel, lo zio di uno dei tre ragazzi israeliani rapiti e uccisi in Cisgiordania, in riferimento all'assassinio del 17enne palestinese trovato morto ieri a Gerusalemme. La sua famiglia afferma che il giovane sia stato ucciso da estremisti ebraici in vendetta per la morte dei tre ragazzi israeliani.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata