Medioriente, Shimon Peres condanna ultimi attacchi contro palestinesi

Gerusalemme, 10 ott. (LaPresse/AP) - "Questo va contro tutto ciò che il popolo ebraico sostiene, come Paese e come democrazia...Sono sicuro che la nostra polizia arresterà tutti i responsabili, i criminali, che non saranno lasciati a piede libero". Così il presidente israeliano Shimon Peres, premio Nobel per la Pace, ha commentato gli ultimi atti di vandalismo nella regione, condotti molto probabilmente da estremisti ebrei. Sabato sera sono state trovate scritte 'Morte agli arabi' in cimiteri cristiani e musulmani a Jaffa. La scorsa settimana in un villaggio arabo nel nord d'Israele è stata bruciata una moschea e sono seguiti violenti scontri tra poliziotti e residenti. In Cisgiordania sono state abbattute negli ultimi giorni decine di olivi e ieri circa 100 coloni hanno attaccato con bastoni e pietre un gruppo di palestinesi in un oliveto vicino Nablus.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata