Medioriente, raid Israele su Striscia di Gaza: un morto e un ferito

Gerusalemme, 30 dic. (LaPresse/AP) - Un palestinese è stato ucciso e un altro ferito in un raid aereo israeliano condotto questa mattina sulla Striscia di Gaza. L'esercito di Tel Aviv spiega che l'attacco era volto a colpire militanti che stavano preparando un lancio di razzi verso Israele. Il ministero della Salute di Gaza ha confermato il bilancio, identificando la vittima come il 21enne Muaman Abu-Daf. Già a inizio settimana, l'esercito di Tel Aviv aveva condotto raid aerei su Gaza, mirando a militanti che, a suo avviso, stavano preparando un attacco sul confine tra Israele ed Egitto.

Secondo l'esercito israeliano Abu-Daf era un importante membro di una piccola cellula che sostiene i principi della jihad globale. Il gruppo avrebbe piantato ordigni esplosivi vicino al confine tra la Striscia e Israele e avrebbe aiutato a pianificare un attacco alla frontiera con l'Egitto. Due piccoli gruppi ispirati al movimento radicale salafita hanno scritto su un sito internet che Abu-Daf era legato a loro. Secondo i familiari, tuttavia, il giovane era membro delle Brigate dei martiri di al-Aqsa, gruppo vicino al partito al-Fatah del presidente Mahmoud Abbas. Il corpo di Abu-Daf, avvolto nella bandiera gialla di al-Fatah, è stato portato alla moschea di Gaza per la preghiera del venerdì.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata