Medioriente, Israele: Pollard rifiuta ipotesi scambio con palestinesi

Gerusalemme, 1 apr. (LaPresse/AP) - Jonathan Pollard, ex spia israeliana condannata all'ergastolo negli Usa nel 1987, si oppone all'ipotesi di essere liberato nell'ambito di uno scambio con prigionieri palestinesi. Lo ha reso noto il ministro israeliano Uri Ariel, che ha raccontato che Pollard gli ha detto che lui è contrario a un simile "vergognoso accordo". Ariel lo ha detto ad Army Radio, aggiungendo che anche lui non sarebbe d'accordo con un rilascio di "assassini" in cambio di quello di Pollard. In precedenza una persona vicina ai negoziati in corso in Medioriente aveva spiegato che gli Stati Uniti stavano negoziando con Israele la possibilità di rilascio anticipato di Jonathan Pollard, in relazione ai colloqui mediati dagli Usa in vista di un accordo di pace tra israeliani e palestinesi.

La liberazione di Pollard, era stato spiegato, avverrebbe in cambio di concessioni di Israele, che permetterebbero ai colloqui con i palestinesi di proseguire oltre la scadenza prefissata del 29 aprile. La fonte aveva tuttavia sottolineato che un simile passo, che sarebbe una svolta decisa degli Usa dopo i precedenti rifiuti, era lontano dall'essere stato concordato e che le discussioni erano in corso.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata