Medioriente, Israele convoca ambasciatore Ue su questione etichette

Gerusalemme, 11 nov. (LaPresse/EFE) - Il ministero degli Esteri di Israele ha convocato l'ambasciatore dell'Unione europea a Tel Aviv, Lars Faaborg-Andersen, per chiedere spiegazioni ed esprimere il proprio scontento per la nuova direttiva dell'Ue sull'etichettatura delle merci realizzate nelle colonie ebraiche nei territori palestinesi occupati. Lo ha reso noto il portavoce del ministero degli Esteri, Emmanuel Nahshon, affermando che l'ambasciatore è stato convocato per comunicare lo scontento di Israele riguardo alle nuove norme approvate da Bruxelles, che obbligano il Paese a segnalare esplicitamente in quali occasioni le merci provengono dagli insediamenti.

In un comunicato, il ministero degli Esteri ha affermato che, nonostante l'Ue presenti la sua decisione come una "misura tecnica", "non ci sono dubbi che il principale proposito sia quello di esercitare pressione politica su Israele".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata