Medioriente, Abbas a Mosca firma accordi e discute conflitti regionali

Mosca (Russia), 13 apr. (LaPresse/EFE) - Il presidente dell'Autorità nazionale palestinese (Anp) Mahmoud Abbas si è recato in visita a Mosca, in Russia, dove ha firmato numerosi accordi con il presidente Vladimir Putin e dove ha incassato l'appoggio del Cremlino alle aspirazioni di creare uno Stato palestinese. Abbas, visitatore assiduo di Mosca, ha incontrato Putin, il primo ministro Dmitri Medvedev e il patriarca ortodosso Cirillo.

Con loro ha discusso della situazione e delle prospettive del conflitto israelo-palestinese, oltre che di altre questioni riguardanti il Medioriente. "La situazione nella regione si è aggravata. È molto importante mantenere i contatti su questi argomenti", ha detto Putin in una riunione con Abbas, in cui i due leader hanno discusso dei conflitti in Siria, Iraq e Yemen.

Putin ha elogiato il leader dell'Anp, affermando che "ha fatto molto durante i suoi dieci anni alla guida dell'Autorità nazionale palestinese per stabilizzare la situazione". Nell'incontro con il patriarca Cirilo, il leader religioso ha invece ribadito l'appoggio della Chiesa ortodossa alle "aspirazioni e legittime speranze della popolazione palestinese di ottenere un proprio Stato, in accordo con la storica risoluzione delle Nazioni unite".

Abbas ha ricevuto anche l'appoggio del premier Medvedev, che lo ha accolto nella sua tenuta fuori Mosca. "Prima di tutto voglio dire che sosteniamo come in precedenza tutte le posizioni del popolo palestinese e appoggiamo le loro aspirazioni a ottenere il proprio Stato", ha detto Medvedev. "Siamo pronti a continuare a collaborare nello sviluppo e nella formazione delle basi dello Stato palestinese e alla realizzazione di cambiamenti economici e sociali", ha aggiunto.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata