Sergio Mattarella e Angela Merkel
Mattarella in Germania. La Merkel: "Ascolto Conte, non i suoi ministri"

In un clima sereno e collaborativo la visita a Berlino del Presidente della Repubblica: Il Capo dello Stato ha rassicurato la Cancelliera sui contenuti del Decretone (reddito e quota 100) approvato ieri dal Cdm. Frau Angela ha detto di apprezzare lo stile pacato del premier italiano

Un'ora di colloquio tra il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e la cancelliera tedesca Angela Merkel.è stato il "clou" della visita del capo dello Stato in Germania. Al centro dell'incontro le prossime elezioni europee, le conseguenze che potrebbero avere i dazi dell'amministrazione Trump, la contrazione dell'economia ed anche le recenti frizioni del governo italiano con la Commissione europea. Il clima, riferiscono fonti italiane, è stato sereno e cordiale e Mattarella ha espresso apprezzamento per il ruolo collaborativo che la Germania ha avuto in occasione della discussione della legge di Bilancio dell'Italia.

Da parte tedesca, fuori dall'ufficialità, ma interessante dal punto di vista politico, una battuta di Angela Merkel riferita da fonti italiane: "Apprezzo lo stile pacato di Conte, mi concentro su di lui, piuttosto che su quello che dicono i singoli ministri".

Decretone - Nel corso del colloquio, Angela Merkel si è informata sulle ultime misuire economiche approvate dal governo e contenute nel decretone che contiene Quota 100 e il reddito di cittadinanza. Secondo quanto riferiscono fonti itaiane, presenti all'incontro, il capo dello Stato ha rassicurato la cancelliera, confermando che le misure rientrano nella cornice della legge di bilancio, così come concordata nei saldi con Bruxelles, e non può esserci preoccupazione.

Shoah - Prima di vedere la cancelliera tedesca, Mattarella ha deposto una corona di fiori al memoriale per gli Ebrei assassinati d'Europa, che si trova a pochi passi dalla Porta di Brandeburgo a Berlino. Il capo dello Stato si è poi fermato davanti a uno dei tanti blocchi in cemento, che caratterizzano il monumento, per un minuto di raccoglimento: "Lo scorrere del tempo affida sempre più a questi luoghi il cruciale compito di custodire la memoria della barbarie, monito permanente affinché ciò che è accaduto non debba mai più ripetersi" ha scritto il Presidente della Repubblica in un messaggio lasciato sul libro del Memoriale in onore degli ebrei assassinati in tutta Europa. "Confido che le coscienze delle nuove generazioni possano trarre dalla visita a questo memoriale nuova e convinta ispirazione per un futuro migliore e libero da tali mostruose atrocità" .

La comunità italiana - Mattarella ha incontrato a Berlino una delegazione della comunità italiana: "L'amicizia tra Italia e Germania è molto grande - ha detto . Il rapporto fra Germania e Italia è rassicurato in massima misura dalla vostra presenza in Germania".

Steinmeier - In mattinata Mattarella ha incontrato, al Castello di Bellevue il presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier: "Abbiamo bisogno dell'Italia - gli ha detto Steinmeier salutandolo - , che dia un contributo all'Unione europea, che sia pronta alle sfide per affrontare il futuro. Sono fiero di avere al mio fianco un europeista italiano". Così il presidente della Repubblica tedesca. "L'unione non è un comitato di affari, ma una comunità di valori, su cui si costruisce l'integrazione e la convivenza dei popoli europei - ha detto Mattarella al termine dell'incontro con Steinmeier - confrontarsi e dialogare per trovare insieme soluzioni condivise"

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata