Maltempo, 10 i morti per neve a Buffalo: ora rischio allagamenti

Buffalo (New York, Usa), 21 nov. (LaPresse/AP) - È salito a 10 il numero dei morti causati dall'ondata di maltempo nell'area di Buffalo, nello Stato di New York, dove nevica incessantemente da tre giorni. I decessi sono avvenuti principalmente per attacchi di cuore o per l'eccessiva esposizione al freddo. Le nevicate si stanno finalmente esaurendo, ma l'emergenza meteorologica non è finita: le previsioni indicano infatti che la neve si potrebbe trasformare in pioggia nel fine settimana a causa di un repentino aumento delle temperature, che aumenterà il rischio di allagamenti. C'è pericolo anche che crollino alcuni tetti sotto il peso degli oltre due metri di neve che si sono accumulati. L'area di Buffalo non è nuova alle nevicate intense, tanto che le norme costruttive di case e aziende prevedono che i tetti degli edifici siano in grado di sopportare una pressione di oltre 107 chili-forza per metro quadrato. Secondo l'ingegnere strutturale Mark Bajorek, è la stessa pressione che eserciterebbe una lastra di cemento spessa circa 10 centimetri.

Per il terzo giorno consecutivo le scuole sono chiuse, così come un lungo tratto dell'arteria stradale che attraversa tutto lo Stato di New York, la Thruway. Le autorità dello Stato hanno messo a disposizione 463 spazzaneve, 129 scavatori e 40 camion con cassone ribaltabile per ripulire le strade. La compagnia ferroviaria Amtrak sta ripristinando i propri servizi in tutta la regione, ma gli orari sono diversi rispetto a quelli soliti. La neve eccessiva caduta nello stadio di Buffalo ha inoltre costretto la Nfl a spostare a Detroit la partita di football fra i Buffalo Bills e i New York Jets, riprogrammandola da domenica a lunedì sera.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata