Mali, proseguono incursioni Tuareg: attaccate altre due città

Bamako (Mali), 26 gen. (LaPresse/AP) - Proseguono gli attacchi in Mali ad opera del Movimento nazionale per la liberazione dell'Azawad, gruppo di ribelli Tuareg. Vittime degli assalti sono state oggi le città di Anderamboukane e Lere. Secondo quanto riporta Cheickna Dicko, sindaco di Lere, in seguito all'attacco, le persone si stanno nascondendo in casa.

Moussa Ag Acharatoumane, leader del movimento, ha confermato l'ultimo assalto, mettendo in guardia su attacchi imminenti in tutto il nord del Mali. "Le operazioni - ha spiegato - sono in corso a Lere. Non ho ancora la conferma dai miei ufficiali sul campo sulla presa della città, ma sono sicuro che non è lontana. Abbiamo unità mobili che possono attaccare tutto il nord del Mali, continueremo ad assalire città in tutta l'area settentrionale". I Tuareg, popolo nomade per tradizione che vive in varie zone del deserto del Sahara, si è ribellato contro il governo centrale del Mali già tre volte dall'indipendenza dalla Francia, ottenuta nel 1960. Le rivolte più recenti sono finite nel 2009 e furono in parte sostenute dall'ex leader libico Muammar Gheddafi, che sosteneva di avere legami di sangue con l'etnia.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata