Mali, franco-maliani controllano aeroporto Kidal, truppe in città

Parigi (Francia), 30 gen. (LaPresse/AP) - Le truppe francesi e maliane controllano l'aeroporto di Kidal, in Mali. Lo ha annunciato un portavoce dell'esercito francese, il colonnello Thierry Burkhard, precisando che il controllo dell'aeroporto è stato preso nella notte e che l'operazione a Kidal è "in corso". In città si trovano ora soldati ed elicotteri delle forze franco-maliane, ha fatto sapere Haminy Maiga, presidente ad interim dell'assemblea regionale, precisando che le forze francesi non hanno incontrato alcuna resistenza.

SOLDATI FRANCESI E MALIANI A KIDAL. "I francesi sono arrivati alle 21.30 di ieri a bordo di quattro aerei, che sono atterrati uno dopo l'altro. Poi hanno preso il controllo dell'aeroporto e sono entrati in città, non ci sono stati combattimenti", ha spiegato il presidente ad interim dell'assemblea regionale di Kidal, dicendo di essere in contatto con i residenti della città tramite un telefono satellitare perché tutte le reti telefoniche non sono funzionanti. "I francesi stanno pattugliando la città e due elicotteri controllano dall'alto", ha proseguito Maiga. Per sostenere l'intervento franco-maliano il Pentagono, secondo quanto riferiscono fonti militari dell'esercito americano, starebbe considerando di organizzare una base di droni nell'Africa nord-occidentale in modo da favorire l'aumento delle informazioni di intelligence.

A GAO MUTILATI CORPI DI JIHADISTI. Intanto un video amatoriale girato nella città di Gao e ottenuto da Associated Press mostra la mutilazione dei cadaveri di due sospetti jihadisti da parte di una folla di persone subito dopo la liberazione della città. Altre riprese, effettuate nel quartier generale della polizia islamica, mostrano la folla che attacca sospetti islamisti con bastoni e machete.

L'OFFENSIVA FRANCESE. Kidal è la terza città chiave della quale gli islamisti avevano preso il controllo lo scorso anno, oltre a Gao e Timbuctù che francesi e maliani hanno già riconquistato nei giorni scorsi dopo il lancio dell'offensiva di Parigi lo scorso 11 gennaio. La presa di Kidal costituirebbe dunque un importante passo avanti, con la riconquista di tutte e tre le città chiave prese ad aprile dagli estremisti islamici nel nord del Mali. Dall'inizio dell'intervento francese, agli islamisti è stato sottratto il controllo di Diabaly, Konna, Douentza, Gao e Timbuctù. Qui, prima di lasciare la città, gli islamisti hanno dato fuoco a una biblioteca che conservava preziosi manoscritti antichi.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata