Malesia, confermata condanna sodomia per leader opposizione Anwar

Putrajaya (Malesia), 10 feb. (LaPresse/Xinhua) - Il leader di opposizione malese Anwar Ibrahim è stato giudicato colpevole di sodomia dalla Corte federale della Malesia, che ha confermato la condanna a cinque anni di prigione che gli era stata inflitta l'anno scorso da una Corte d'appello malese.

I cinque membri della Corte federale hanno confermato il verdetto d'appello, che aveva ribaltato la sentenza di innocenza emessa nel 2012 dall'Alta corte di Kuala Lumpur. Anwar è stato condannato per avere sodomizzato il suo collaboratore Mohd Saiful Azlan Bukhari e la sentenza definitiva di colpevolezza provocherà la sua rimozione dai seggi del Parlamento. Il primo ministro Najib Razak ha emesso un comunicato a commento del verdetto, in cui ha invitato le parti a rispettare il processo e la sentenza. "In questo caso, si è svolto in diversi anni un giusto processo, esaustivo e approfondito, e ora i procedimenti sono completi", ha dichiarato il premier.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata