Licenziato agente che uccise 15enne afroamericano in Texas
Lo sparo mortale lo scorso sabato in un sobborgo di Dallas

 La polizia della cittadina texana di Balch Springs  ha licenziato l'agente che ha sparato, lo scorso fine settimana, contro un veicolo uccidendo un adolescente afroamericano disarmato. L'incidente è avvenuto all'alba di sabato scorso, dopo che il giovane Jordan Edwards,15 anni, ha lasciato una festa in auto insieme ai suoi due fratelli, Vidal e Kevon, e altri due amici. In quel momento l'agente, Roy Oliver, ha sparato con un fucile contro il veicolo, uccidendo il giovane.

La prima versione ufficiale diceva che il veicolo ha fatto retromarcia ad alta velocità dopo il controllo di polizia, così l'agente ha sparato. Tuttavia le telecamere hanno mostrato il contrario: i giovani andavano nella direzione opposta rispetto agli agenti. Oggi, il capo della polizia di questo sobborgo di Dallas, Jonathan Haber, ha annunciato in una conferenza stampa il licenziamento dell'agente. La famiglia Edwards ha appreso positivamente il licenziamento ma ha sottolineato come ci sia "una lunga strada" per la giustizia, chiedendo, inoltre l'arresto di Oliver per omicidio. Aggiungendo che i fratelli di Edwards e gli amici sono stati "trattati come criminali" dal resto della polizia, mentre il ragazzo stava morendo.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata