Libia, Tobruk: Riapertura dell'ambasciata italiana è un occupazione
L'affondo del ministro degli Esteri che parla di "offensiva militare"

Il ministero degli Esteri del governo di Tobruk, nell'est della Libia, considera la riapertura dell'ambasciata italiana e il ritorno dell'ambasciatore italiano Giuseppe Perrone a Tripoli come un'offensiva militare e "una nuova occupazione". Secondo quanto riporta Libya Observer, che cita una nota diplomatica 'urgente' inviata mercoledì dal governo guidato da Abdullah al-Thani e al quale fa riferimento il generale Khalifa Haftar a tutte le ambasciate e i consolati libici all'estero per informarli sul "ritorno militare dell'ambasciata italiana nella capitale".
"Una nave militare italiana carica di soldati e munizioni è entrata nelle acque territoriali libiche. Si tratta di una chiara violazione della Carta delle Nazioni Unite e una forma di aggressione ripetuta", si legge nella nota.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata