Libia, ribelli circondano Sirte. Centinaia in fuga dai combattimenti

Tripoli (Libia), 1 ott. (LaPresse/AP) - Le forze armate ribelli libiche hanno completamente circondato Sirte, la città natale del colonnello Muammar Gheddafi, prendendo posizione a circa 5 chilometri dal centro, e sono impegnati in forti combattimenti per le strade della città. Lo rende noto il comandante ribelle Mustafa al-Rubai, spiegando che combattenti provenienti dall'est della Libia hanno preso il controllo del primo distretto residenziale della città e di un hotel dove sono localizzati cecchini delle forze lealiste. Parlando con Associated Press, al-Rubai spiega che una via d'uscita è stata riservata ai civili che in centinaia stanno provando a lasciare la città. Secondo il ministro della Difesa del Cnt, la scorsa settimana i combattenti hanno anche preso il controllo del porto, della base militare e dell'aereoporto della città.

"Ci sono ancora forti combattimenti per le strade di Sirte. Il nemico è assediato da sud, est e ovest, ma è ancora in possesso di armi sofisticate e di una grande quantità di munizioni", spiega Al-Rubai. Secondo il comandante, inoltre, le forze lealiste controllano ancora posizioni strategiche all'interno della città, tra cui alti edifici dove sono posizionati dei cecchini che rendono l'avanzamento dei ribelli difficile. Intanto, i combattenti dall'ovest continuano l'avvicinamento alla città sparando razzi e colpi di carro armato alle postazioni lealiste, mentre aerei della Nato sorvolano l'area. "Il piano - continua al-Rubai - è che le forze da est e da ovest si incontrino nel centro di Sirte. Quando raggiungeremo questo punto, celebreremo la liberazione della città".

Nel frattempo centinaia di residenti continuano a lasciare la città. Nuri Naari, medico di un ospedale sulla linea del fronte, riferisce che una famiglia di quattro persone è stata sterminata mentre stava scappando verso le posizioni rivoluzionarie. Non è chiaro chi abbia sparato. Il dottore spiega che i corpi di due bambini e dei loro genitori sono stati portati in ospedale questa mattina. Le auto dei residenti hanno formato lunghe code ai checkpoint dei rebelli libici all'uscita della città, in attesa dei controlli.

Molti degli abitanti in fuga dalla città riferiscono che le condizioni di Sirte continuano a peggiorare. Mancano cibo, acqua ed elettricità. "Non possiamo vivere nelle nostre case a causa dei bombardamenti, dobbiamo andarcene", commenta Ahmed Hussein, mentre la moglie, la suocera e i due figli osservano le forze ribelli controllare la loro auto. Macchine, bus e camion pieni di famiglie e rifornimenti sono in coda nel primo posto di blocco a circa un chilometro dalla linea del fronte. Volontari hanno dato alle famiglie cibo e acqua mentre i combattenti controllano mezzi di trasporto e documenti. Un piccolo contingente di Medici senza frontiere ha provato a entrare a Sirte per distribuire farmaci, ma è dovuto tornare indietro a causa dei forti combattimenti.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata