Libia, Onu: raggiunto l'accordo per cessate il fuoco. Migliaia di sfollati
Situazione critica vicino a Tripoli. Oltre 1800 famiglie costrette a fuggire in zone più sicure

Dopo almeno 50 morti e 138 feriti, dopo oltre 1.800 sfollati, a causa dei combattimenti che dal 27 agosto vedono contrapposte milizie rivali vicino Tripoli, l'Onu ha annunciato il raggiungimento di un accordo per un cessate il fuoco. "Sotto l'egida dell'inviato speciale dell'Onu in Libia Ghassan Salamé, un accordo di cessate il fuoco è stato raggiunto e firmato oggi per porre fine a tutte le ostilità, proteggere i civili e salvaguardare i beni pubblici e privati e riaprire l'aeroporto Mitiga a Tripoli", ha annunciato la missione Onu in Libia, Manul.

Dopo una giornata all'insegna degli scontri a sud della capitale, la serata è iniziata con una relativa calma, anche se non è chiaro se tutti i gruppi coinvolti abbiano intenzione di rispettare l'accordo. Già la scorsa settimana un cessate il fuoco annunciato dai dignitari delle città occidentali è durato solo qualche ora. La Manul ha precisato su Twitter che l'accordo prevede anche la riapertura dell'unico aeroporto in servizio a Tripoli, chiuso dal 31 agosto a causa degli scontri. Inoltre, "la riunione di martedì non puntava a risolvere tutti i problemi relativi alla sicurezza della capitale libica": l'obiettivo era "concordare un quadro più ampio per affrontare questi problemi".

I combattimenti dei giorni scorsi, secondo un ultimo bilancio ufficiale diffuso lunedì sera, hanno provocato oltre 50 morti e 138 feriti e hanno costretto a spostarsi 1.825 famiglie, che si sono rifugiate in città vicine o in quartieri più sicuri nella capitale libica stessa. Un terzo delle famiglie rimaste bloccate hanno rifiutato di lasciare le loro case per paura di saccheggi e furti. Gran parte di coloro coloro che sono rimasti sul posto hanno bisogno urgente di cibo e acqua, ha avvertito un documento diffuso dal ministero degli Affari degli sfollati.

L'Onu non ha fatto sapere la sede dell'incontro avuto oggi ma, secondo fonti vicine ai colloqui, si è tenuto nella città di Zawiya, a meno di 50 chilometri a ovest della capitale. Alla riunione hanno preso parte "ufficiali militari e leader di vari gruppi armati presenti nella capitale e intorno", nonché il ministro degli Interni e altri rappresentanti del governo di unità nazionale (GNA) riconosciuto dalla comunità internazionale. Nei combattimenti si sono fronteggiati gruppi armati venuti da Tarhouna e Misurata, nell'ovest, e gruppi di Tripoli teoricamente sotto l'autorità del Gna. Da quando l'esecutivo è entrato in servizio a marzo del 2016, la sicurezza sua e quella di Tripoli dipendono da milizie. Dopo la caduta del regime di Muammar Gheddafi nel 2011, Tripoli è sotto il controllo di milizie in cerca di denaro e potere, impegnate in una lotta feroce per il dominio della capitale. 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata