Libia, Msf sospende lavoro in prigioni di Misurata: Detenuti torturati

Bengasi (Libia), 26 gen. (LaPresse/AP) - Medici senza frontiere (Msf) ha sospeso il lavoro nelle prigioni di Misurata, in Libia, spiegando che i detenuti vengono torturati e viene loro negato l'accesso alle cure mediche. Msf ha fatto sapere in un comunicato che gli operatori umanitari avevano sempre più spesso visto pazienti con ferite "causate dalle torture subite durante gli interrogatori". Da agosto scorso il gruppo ha curato a Misurata 115 persone con ferite legate ai maltrattamenti. Le autorità della città, ha riferito l'organizzazione, hanno ignorato le ripetute richieste di porre fine alla pratica di tortura e almeno una volta hanno negato cure urgenti a un detenuto. I combattenti di Misurata hanno avuto un ruolo fondamentale nella guerra civile che ha portato al crollo del regime di Muammar Gheddafi, ai cui tempi la tortura era un metodo ampiamente usato nelle carceri.

Tra i segni di tortura riportati dai detenuti, spiega Medici senza frontiere, bruciature di sigarette, grandi lividi, fratture, ustioni dovute a scariche elettriche, insufficienza renale a causa delle percosse. Due detenuti, aggiunge il direttore generale dell'organizzazione, Christopher Stokes, sono morti dopo gli interrogatori. "I pazienti - aggiunge - ci sono stati portati nel mezzo degli interrogatori per fornire loro cure mediche e poi continuare. Questo è inaccettabile. Il nostro ruolo è fornire cure mediche ai feriti di guerra e ai detenuti malati, non curare ripetutamente gli stessi pazienti tra varie sessioni di tortura". Il Regno Unito, che ha giocato un ruolo chiave nella missione guidata dalla Nato contro Muammar Gheddafi, ha chiesto ai rappresentanti del Consiglio nazionale transitorio di "essere all'altezza degli alti standard che si sono posti". "Devono garantire tolleranza zero sugli abusi. Noi - si legge in una nota diffusa dall'ufficio del primo ministro David Cameron - siamo preoccupati di queste notizie".

Le vittime delle torture, ha spiegato Stokes ad Associated Press, sono ex combattenti e persone accusate di furto e saccheggio. "C'è un numero significativo di persone di colore. Qualunque sia il motivo, è inaccettabile fare questo a degli esseri umani", ha continuato Stokes, aggiungendo che la maggior parte dei casi risale agli ultimi tre mesi. I due decessi si sono verificati a ottobre e novembre. Msf, però, non si occupa di condurre le autopsie e per questo non può determinare quale sia stata di preciso la causa delle morti. Gli interrogatori vengono portati avanti dai Servizi segreti dell'Esercito nazionale della Libia nelle strutture esterne ai centri di detenzione. Il gruppo internazionale, che opera nelle carceri, ma non nei centri dove si svolgono gli interrogatori, ha contattato i Servizi e le autorità di Misurata per chiedere la fine degli abusi, ma non ha avuto risposte ufficiali. Il caso più allarmante, aggiunge Msf, risale al 3 gennaio, quando i medici hanno dovuto curare un gruppo di 14 detenuti di ritorno da un centro per gli interrogatori. Nove di loro mostravano chiari segni di tortura, come braccia rotte e insufficienza renale.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata