Libia, Gentiloni: Italia pronta a combattere, sostieniamo Onu

Roma, 13 feb. (LaPresse) - L'Italia "è pronta a combattere" in Libia "nel quadro della legalità internazionale". Lo ha detto il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, intervistato da SkyTg24. L'Italia, ha affermato il titolare della Farnesina, "sta sostenendo le Nazioni unite che cercano di trovare una mediazione tra le diverse forze" nel Paese nordafricano, ma se non fosse possibile trovare una mediazione "bisogna porsi il problema con le Nazioni unite di fare qualcosa di più".

"Non possiamo accettare l'idea - ha proseguito Gentiloni - che a poche ore dall'Italia in termini di navigazione ci sia una minaccia terroristica attiva". Quelle che parlano di bandiera nera dello Stato islamico su San Pietro, ha detto ancora il ministro, sono "farneticazioni propagandistiche", ma "non le possiamo sottovalutare". L'Italia, ha concluso, sostiene "la mediazione dell'Onu, ma la situazione si sta deteriorando".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata