Libia, Ansar al Sharia conferma morte leader Mohammad al Zahawi

Bengasi (Libia), 24 gen. (LaPresse/Xinhua) - Il leader del gruppo terroristico libico Ansar al-Sharia, Mohamed al-Zahawi, è morto per le ferite subite in combattimento diversi mesi fa. Lo ha confermato oggi una fonte vicina al gruppo jihadista. Sono mesi che i media locali stavano esprimendo dubbi sulle condizioni di salute di al Zahawi dopo che improvvisamente aveva smesso di apparire in pubblico. Anche altri gruppi islamici armati, come la Brigata dei Martiri del 17 Febbraio, hanno confermato la notizia della morte sugli account ufficiali sui social network. Al-Zahawi ha preso il potere nella seconda città più grande della Libia, Bengasi, e ha aiutato con i suoi combattenti a cacciare Muammar Gheddafi nel 2011. Il gruppo è stato dichiarato 'organizzazione terroristica' da parte degli Stati Uniti e le Nazioni Unite da quando ha rivendicato l'attacco al consolato americano a Bengasi nel 2012 nel quale è stato ucciso l'ambasciatore americano in Libia e altri tre funzionari. Il gruppo è anche ritenuto la mente di molti rapimenti e omicidi nella parte orientale del paese nordafricano.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata