L'ultimo saluto a Peres, stretta di mano tra Netanyahu e Abbas
Tanti leader politici alle esequie dell'ex presidente israeliano

Conclusala cerimonia per l'ultimo saluto a Shimon Peres, l'ex presidente israeliano i cui funerali, oggi a Gerusalemme, hanno radunato leader ed ex leader politici da tutto il mondo.  Durante la cerimonia stretta di mano tra il presidente palestinese Mahmoud Abbas e il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu. Accogliendo Abbas, Netanyahu ha detto della sua presenza: "Lo apprezzo molto per la nostra gente e per noi". Tantissime le autorità mondiali presenti.  L'ex presidente degli Stati Uniti Bill Clinton, che è arrivato in Israele un giorno prima della sepoltura, ha visitato la piazza davanti al parlamento per rendere omaggio alla bara di Peres. Obama conduce una delegazione di 33 funzionari degli Stati Uniti, tra cui il Segretario di Stato John Kerry e Nancy Pelosi, leader democratico alla Camera dei Rappresentanti. Il principe Carlo, il presidente francese Francois Hollande, il primo ministro italiano Matteo Renzi, presidente polacco Andrzej Duda, primo ministro canadese Justin Trudeau ed l'ex leader britannico David Cameron e Tony Blair sono presenti al funerale.

OBAMA: RIPRENDERE CAMMINO DI PACE. Il presidente degli Stati Uniti, nel suo discorso al funerale dell'ex presidente israeliano ha esortato Israele a riprendere il cammino della pace, paragonando il premio Nobel per la Pace a "giganti del ventesimo secolo" come Nelson Mandela e la regina Elisabetta II. Nel suo discorso, che ha concluso le esequie, Obama ha detto che Peres, "anche di fronte agli attacchi terroristici, anche di fronte a ripetute delusioni al tavolo dei negoziati, insisteva che come esseri umani i palestinesi dovrebbero essere considerati uguali in dignità agli ebrei e quindi uguali nell'autodeterminazione".
 

IL RICORDO DI NETANYAHU. "Shimon Peres era sicuro che alla fine la luce sarebbe riuscita a vincere le tenebre, era un uomo dalla grande statura, ti voglio bene, tutti noi ti amiamo" così il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ricorda del cimitero di Mount Herzl. "Ricordiamo questo grande leader, che possa riposare in pace" ha sottolineato il premier israeliano rammentando la commozione di Peres per la morte del fratello, la stessa che ora lui prova per la scomparsa dell'ex presidente.

CLINTON: ERA UNA PIETRA MILIARE. Era seguito da molti giovani, che erano ispirati dalle sue azioni". Così l'ex presidente Usa Bill Clinton al funerale di Shimon Peres. "Sapeva esattamente quello che faceva, anche se era apertamente ottimista, sapeva quale erano i suoi sogni, non si è mai arreso davanti a niente e davanti a nessuno. Anche negli scontri più duri Shimon ha sempre mantenuto la porta aperta" ha sottolineato Clinton.  "Ha vissuto 93 anni valorizzando un potenziale incredibile che è insito in tutti noi, affinché ognuno sorpassi le proprie paure e vada avanti verso la promessa del domani" ha sottolineato l'ex leader Usa, "vivremo della sua memoria e del suo esempio, sarebbe bello sapere tenere in vita la sua eredità, ricordando che è stato una pietra miliare e tenendo a mente il suo sorriso luminoso" ha concluso Clinton.
 

 

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata