Kim testa razzo intercontinentale: Usa chiedono riunione Onu
Il razzo poteva raggiungere l'Alaska. Trump: Cina faccia passo pesante

Gli Stati Uniti chiedono una riunione a porte chiuse del Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite a seguito del test missilistico condotto dalla Corea del Nord. Lo riferisce un portavoce della delegazione Usa all'Onu, aggiungendo che è probabile che l'incontro si terrà mercoledì.

Pyongyang ha annunciato di avere testato con successo un missile balistico intercontinentale, affermando di poter colpire qualsiasi punto nel mondo. Il missile Hwasong-14, ha dichiarato la tv statale, ha raggiunto un'altitudine di 2.802 chilometri e colpito il suo obiettivo con precisione dopo aver volato per 39 minuti. E gli Stati Uniti ritengono che quello lanciato lunedì sia effettivamente un missile intercontinentale: a riferirlo a Fox News fonti del Comando delle forze armate nel Pacifico, secondo cui il missile balistico ha volato più tempo di qualsiasi altro razzo nei test nordcoreani condotti finora, per un totale di 37 minuti, il che implica che il regime di Kim Jong-un potrebbe avere la capacità di attaccare l'Alaska. È la prima volta che Pyongyang riesce a lanciare un missile con queste caratteristiche con successo e il Pentagono continua a indagare su questo lancio per fornire un'analisi più dettagliata del test. Si tratta dell'11esimo test compiuto quest'anno dalla Corea del Nord. L'ultimo era stato realizzato lo scorso 8 giugno e in quel caso il volo era durato circa 30 minuti.

 

"La Corea del Nord ha appena lanciato un altro missile. Ma questo tizio non ha di meglio da fare nella vita? Difficile credere che Corea del Sud e Giappone potranno sopportare tutto questo ancora più a lungo. Forse la Cina farà un passo pesante verso la Corea del Nord e metterà fine a questa cosa insensata una volta per tutte!", ha commentato su Twitter il presidente Usa Donald Trump poco dopo l'annuncio del nuovo test.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata