Juncker è nuovo presidente della Commissione Europea: 300 miliardi per la crescita

Bruxelles (Belgio), 15 lug. (LaPresse) - Il Parlamento europeo ha accettato Jean-Claude Juncker come nuovo presidente della Commissione europea. Per Juncker hanno votato a favore 422 parlamentari, secondo quanto annunciato dal presidente del Parlamento Martin Schultz. A votare contro Juncker 250 europarlamentari. Quarantasette gli astenuti.

Il presidente del Parlamento europeo Martin Schulz ha formulato i suoi complimenti a Jean-Claude Juncker per la sua nomina a nuovo presidente della Commissione europea e gli ha augurato buon lavoro. Molti parlamentari si sono avvicinati al nuovo presidente della Commissione per congratularsi con lui.

"Entro febbraio 2015" vorrei avere un programma per la crescita e l'occupazione", aveva detto Jean-Claude Juncker nel suo intervento davanti al Parlamento europeo, affermando che il piano prevede 300 miliardi di euro di investimenti in tre anni.

La Commissione sarà politica, voglio che sia più politica e sarà molto politica", ha detto Juncker nel suo intervento davanti al Parlamento europeo.

Siamo fieri di aver varato la moneta unica. La moneta unica non divide l'Europa, ma la protegge", ha aggiunto. "L'euro protegge l'Europa", ha ribadito Juncker. "Io sto difendendo la moneta unica, perchè la moneta unica protegge l'Europa, la sua economia e i suoi cittadini". Dopo queste affermazioni si sono uditi fischi da parte di alcuni europarlamentari. "Farò in modo che il registro delle lobby sia reso pubblico e obbligatorio", ha annunciato Juncker.

"In via generale cerchiamo di rinunciare ai dibattiti ideologici, che non hanno altro fine che incrementare le divisioni. Scegliamo il pragmatismo come metodo", ha dichiarato Juncker.


© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata