Israele, beduini contro piano trasferimento forzato: scontri con polizia

Gerusalemme, 15 lug. (LaPresse/AP) - Centinaia di manifestanti hanno dimostrato oggi in Israele contro il piano di reinsediamento degli arabi beduini nomadi nel deserto meridionale del Negev. I dimostranti contestano il progetto del governo, noto come piano Prawer, che sposterebbe migliaia di beduini in villaggi riconosciuti dalle autorità. Gli interessati sostengono che esso porterà alla confisca delle loro terre, distruggendo il loro stile di vita. Israele sostiene invece che la misura sia necessaria per fornire servizi di base che molti beduini non hanno.

La dimostrazione più grande si è tenuta a Beersheba, nel sud, dove circa 700 persone hanno protestato, scontrandosi con la polizia. Dopo che un gruppo di manifestanti ha bloccato una strada, 14 persone sono state arrestate. Secondo quanto riportano le forze di sicurezza, otto dimostranti sono stati inoltre arrestati nel corso di una manifestazione nel nord di Israele dopo che la folla ha tirato pietre contro la polizia. Tre agenti sono rimasti feriti.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata