Isis, Obama: Entro la fine dell'anno potrebbe cadere Mosul
Il presidente americano difende la strategia contro lo Stato Islamico: "Vediamo iracheni disposti a combattere e guadagnare terreno"

Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha lasciato intendere in un'intervista che i progressi nella lotta contro il gruppo jihadista dello Stato Islamico potrebbero  portare alla caduta di Mosul, la sua principale roccaforte in Iraq, "entro la fine dell'anno". In un estratto di un'intervista con la CBS che andrà in onda completa oggi, il presidente americano ha ribadito la sua strategia per combattere i terroristi in Medio Oriente sostenendo ed addestrando le forze locali, piuttosto che schierarsi militarmente.

"La mia previsione è che entro la fine dell'anno si saranno create le condizioni per la caduta di Mosul.  "Vediamo iracheni disposti a combattere e guadagnare terreno, e dobbiamo fare in modo di dar loro più sostegno", ha detto Obama nell'intervista televisiva dalla Casa Bianca. Il presidente ha detto gli Stati Uniti stanno vedendo i "benefici" che ha questa strategia di lotta al terrorismo nella regione, un modus operandi che è stato criticata sia dall'interno che dall'esterno del paese. "Noi non stiamo combattendo, ma quando diamo la formazione e il sostegno di forze speciali e quando lavoriamo con le nostre coalizioni ne guadagnamo in Intelligence" ha insistito Obama.

Poche ore prima, il segretario alla Difesa Ashton Carter ha annunciato a Baghdad che gli Stati Uniti dispiegheranno truppe supplementari in Iraq e invieranno elicotteri d'attacco Apache per sostenere le forze di sicurezza del paese contro lo Stato Islamico: "Portiamo forze aggiuntive"  ha precisato Carter, aggiungendo che l'Apache avrà lo scopo di aiutare riguadagnare Mosul, il bastione principale del gruppo jihadista in Iraq dal 2014. Secondo fonti del Pentagono, il numero di truppe supplementari degli Stati Uniti sarà di circa 200, che porterà a oltre 4.000 il numero dei militari statunitensi che si trovano sul suolo iracheno.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata