Irma verso la Florida, Governatore: "Via adesso, la tempesta è mortale"
21 morti a Cuba, ordine di evacuazione per 5,6 milioni di persone in Florida. Trump: "Tempesta dal potenziale distruttivo storico"

Dopo aver raggiunto e gravemente colpito Cuba, l'uragano Irma si dirige verso la Florida. Il governatore dello Stato americano, Rick Scott, lancia un nuovo appello per incalzare i 5,6 milioni di persone che hanno ricevuto l'ordine di evacuazione ad affrettarsi: "Se avete ricevuto l'ordine di evacuazione, andate via adesso. Non stasera, ma adesso. Una volta che sarà arrivato l'uragano, ricordate che le autorità non vi potranno mettere in salvo. Non si sopravvive a questa tempesta, è una situazione potenzialmente mortale. Noi faremo tutto quello che possiamo - ha assicurato - ma non potremo farlo una volta che sarà arrivato Irma".

L'uragano Irma, tornato a categoria 5 dopo essere stato declassato, è giunto nell'arcipelago di Camaguey, Cuba nord-centrale, con venti di 260 chilometri all'ora. Alle 3 della scorsa notte il ciclone si trovava 190 chilometri a Villa Clara e si dirigeva verso ovest ad una velocità di 20 chilometri all'ora. L'uragano colpirà la Florida meridionale domani mattina e nello Stato c'è già un ordine di evacuazione per 5,6 milioni di persone. Intanto anche in Virginia è stato dichiarato lo stato di emergenza. La Florida Power & Light Company (FPL), uno dei principali fornitori di elettricità della nazione, prevede che almeno 4,1 milioni di clienti perderanno la luce a causa dell'uragano.

Dietro di sé nei Paesi che hai già colpito nei Caraibi, lascia almeno 21 morti e devastazione: l'ultimo bilancio è di 11 morti fra le isole di St. Barthelemy e St. Martin, quattro nelle Isole Vergini Usa, una vittima a Barbuda, una nel territorio britannico d'oltremare di Anguilla, tre morti a Portorico e un surfista che ha perso la vita alle Barbados.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata