Iraq, Usa su riscatto Foley: Non facciamo concessioni ai terroristi

Washington (Usa), 22 ago. (LaPresse/AP) - "Non facciamo concessioni ai terroristi. Non paghiamo riscatti". Così Marie Harf, portavoce del dipartimento di Stato Usa, in riferimento alla notizia diffusa ieri, secondo cui i militanti dello Stato islamico in Siria avevano chiesto un riscatto pari a circa 100 milioni di euro per la liberazione del giornalista James Foley, ma l'amministrazione Usa si era rifiutata di pagare. Soltanto quest'anno, ha affermato Harf, lo Stato islamico ha raccolto milioni di dollari dai riscatti. "Il governo degli Stati Uniti crede fortemente che pagare riscatti ai terroristi equivalga a offrire loro uno strumento nella forma di finanziamenti che aiutano a portare avanti le loro attività", ha dichiarato la portavoce. "Questa è una nostra convinzione molto forte e per questo motivo non paghiamo riscatti", ha concluso.

I rapitori di Foley avevano chiesto 132,5 milioni di dollari ai suoi genitori e concessioni politiche da Washington. Secondo una fonte rimasta anonima, lo Stato islamico ha inoltre chiesto 132,5 milioni di dollari per la liberazione di ciascuno di altri due ostaggi americani detenuti dai militanti. Le richieste sono pervenute alle famiglie dei due ostaggi soltanto una volta, alla fine dell'anno scorso. Nonostante le rassicurazioni di non voler fare concessioni ai terroristi, affermano i critici, l'amministrazione Obama ha fatto proprio questo per garantire il rilascio del soldato Usa Bowe Bergdahl, liberato il 31 maggio scorso dopo essere rimasto per cinque anni nelle mani dei talebani in Afghanistan. In cambio della liberazione del militare, Washington ha rilasciato prigionieri talebani da Guantanamo, fra cui alcuni considerati dei terroristi pericolosi. Sono almeno tre gli americani ancora detenuti in Siria, di cui due sarebbero stati rapiti da militanti dello Stato islamico. Il terzo, il giornalista freelance Austin Tice, è scomparso in Siria ad agosto del 2012 e si crede che si detenuto dalle forze governative.

Secondo un funzionario Usa, l'amministrazione sta valutando attualmente la questione dei pagamenti di riscatti da parte di famiglie o aziende americane. Lo Usa Patriot Act vieta di offrire ai gruppi terroristici qualsiasi tipo di pagamento o assistenza che potrebbe servire a rafforzarli. Ad esempio, alle famiglie di tre cittadini Usa detenuti in Colombia per cinque anni era stato chiesto più volte di non inviare neanche farmaci o scarpe da ginnastica agli ostaggi per evitare potenziali violazioni della legge. In questi casi, tuttavia, la procura soltanto raramente decide di aprire un'indagine in sede penale. "In tutti gli anni in cui ho lavorato come agente dell'Fbi non ho mai visto il governo Usa minacciare di indagare una famiglia per aver pagato un riscatto", ha detto Clinton Van Zandt, ex capo negoziatore per il rilascio di ostaggi del Bureau.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata