Iraq, giornata di violenze: 7 morti in tre attacchi nel Paese

Baghdad (Iraq), 23 giu. (LaPresse/AP) - Giornata di violenze in Iraq, dove tre diversi episodi hanno causato la morte di 7 persone e il ferimento di altri civili.

ATTACCO ALLA POLIZIA. Una stazione di polizia vicino alla città di Hawija nel nord del Paese è stata attaccata da un uomo armato e da due attentatori suicidi: tre poliziotti sono rimasti uccisi e altri cinque sono stati feriti. Lo ha reso noto il comandante della dodicesima divisione dell'esercito, Mohammed Khalaf, che ha ricostruito la dinamica dell'accaduto. Secondo il comandante l'assalto è cominciato con l'attacco da parte di un uomo armato arrivato a piedi, che ha aperto il fuoco sulle guardie della stazione di polizia. Un attentatore suicida ha poi fatto esplodere la sua cintura carica di esplosivi nell'area dell'ingresso della stazione. Un altro attentatore suicida a bordo di una vettura si è poi scagliato con la macchina sul palazzo, secondo quanto riportato da Khalaf. Hahija si trova a circa 240 chilometri a nord di Baghdad.

DUE AUTOBOMBE A TUZ KHORMATO. Due autobombe parcheggiate sono esplose nella città di Tuz Khormato, 210 chilometri a nord di Baghdad, uccidendo un civile e ferendo altre 27 persone. L'esplosione è avvenuta in un'area residenziale della città.

BAGHDAD. Un colpo di mortaio ha raggiunto un motel nel centro di Baghdad, uccidendo tre civili e ferendo altre nove persone.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata