Iraq, assalto all'ambasciata Usa di Baghdad

Le forze americane sparano lacrimogeni e granate per disperdere migliaia di manifestanti

Moltissimi manifestanti sono riusciti a penetrare nel compound dell'ambasciata americana di Baghdad, in Iraq, assaltata questa mattina da migliaia di persone dopo i raid statunitensi contro le milizie sciite filo-iraniane. I manifestanti, inizialmente partiti in processione funebre per i 25 combattenti filo-iraniani uccisi domenica scorsa durante i raid americani in Iraq, sono riusciti ad attraversare il primo recinto del gigantesco complesso ad altissima sicurezza nella "Green zone". Le forze statunitensi hanno sparato gas lacrimogeni e granate per disperdere i manifestanti. Secondo quanto appreso, l'ambasciatore americano Matthew H. Tueller e il personale sono stati evacuati dall'edificio. Nei video diffusi su Twitter si vedono le immagini dell'attacco all'ambasciata e delle forze di sicurezza statunitensi asserragliate nell'edificio.