Iraq, Allawi si ritira e incolpa partiti: Pensano a interessi ristretti

Baghdad (Iraq), 1 mar. (AP/LaPresse) - Il primo ministro designato dell'Iraq, Mohammed Allawi, ha annunciato il suo ritiro dopo non essere riuscito a ottenere il sostegno parlamentare, prolungando lo stallo politico nel paese tra le molteplici sfide economiche, sanitarie e di sicurezza. Allawi ha incolpato i partiti politici di cui non ha fatto il nome, dicendo che "non erano seri riguardo all'attuazione delle riforme che avevano promesso al popolo" e accusandoli di porre ostacoli sulla strada di un nuovo governo indipendente. "Se avessi accettato di offrire concessioni, sarei il primo ministro ora, ma ho cercato di fare tutto il possibile per salvare il Paese dallo scivolamento verso l'ignoto e risolvere l'attuale crisi. Ma i negoziati hanno colpito ripetuti ostacoli", ha detto in un breve discorso alla nazione, spiegando la sua decisione di ritirarsi. Ha accusato alcune parti di negoziare "puramente per interessi ristretti".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata