Iran, Ahmadinejad: Stop minacce da Usa, altrimenti colloqui insensati

Il Cairo (Egitto), 7 feb. (LaPresse/AP) - L'Iran non può tenere colloqui significativi con gli Stati Uniti sul proprio programma nucleare se Washington continuerà a minacciare il Paese. È quanto dichiarato dal presidente iraniano Mahmoud Ahmadimejad nel corso di una conferenza stampa al Cairo. "Il motivo è chiaro: i negoziati - ha detto - vengono organizzati per arrivare a un'intesa, non per imporre qualcosa. Tali colloqui sono inutili se qualcuno solleva la clava e impone" decisioni all'Iran. "I colloqui hanno un senso soltanto se basati sul rispetto reciproco, sulla giustizia e sull'uguaglianza", ha proseguito il presidente iraniano. "Le cose andranno bene se gli americani correggeranno il modo in cui si rapportano a noi", ha concluso. Le parole di Ahmadinejad fanno eco a quelle dell'ayatollah Ali Khamenei, che nelle scorse ore ha dichiarato che i colloqui diretti non hanno senso se Washington "tiene una pistola" puntata su Teheran, riferendosi alle sanzioni.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata