Indonesia, dopo lo tsunami è crisi sanitaria: mancano acqua potabile e farmaci

Non c'è abbastanza acqua potabile, la gente ha bisogno di cibo e molti dormono a terra

In Indonesia, dopo lo tsunami che ha provocato più di 400 morti, ora è crisi sanitaria. "Molti bambini sono malati, hanno la febbre, mal di testa e non hanno abbastanza acqua", ha detto Rizal Alimin, un medico ONG Aksi Cepat Tanggap in una scuola trasformata in un rifugio di fortuna. "Abbiamo meno farmaci del solito, le condizioni non sono salutari, non c'è abbastanza acqua potabile, la gente ha bisogno di cibo e molti dormono a terra".

Lo tsunami ha colpito improvvisamente l'isola sabato sera nel tratto che separa le isole di Sumatra e Java provocando 429 morti, 1.485 feriti e 154 dispersi, secondo l'ultimo rapporto dell'Agenzia nazionale per la gestione dei disastri. 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata