India, Novartis perde ricorso su brevetto farmaco anti leucemia

Nuova Delhi (India), 1 apr. (LaPresse/AP) - La Corte suprema indiana ha stabilito che la compagnia farmaceutica Novartis AG non ha il diritto di brevettare la nuova versione del farmaco salvavita Glivec contro la leucemia. La compagnia svizzera affermava di poter registrare il prodotto per proteggere i propri investimenti, mentre gli attivisti ritenevano stesse tentando di sfruttare scappatoie per ricavare maggiore denaro su un brevetto ormai scaduto. La sentenza è una vittoria per l'industria generica dei farmaci indiana da 26 miliardi di dollari, che fornisce farmaci economici a milioni di persone nel mondo. Secondo l'avvocato per i diritti Anand Grover, una sentenza simile potrà aiutare i poveri a ottenere cure accessibili, grazie alla disponibilità di versioni generiche di farmaci salvavita.

Novartis era impegnata dal 2006 nella battaglia legale in India per ottenere la registrazione del nuovo brevetto per il farmaco anti leucemia Gleevec, noto in India ed Europa come Glivec. L'ufficio brevetti lo aveva negato con la motivazione che non si tratta di una nuova cura ma di una revisione di un prodotto esistente. La sentenza crea così un precedente, che impedirà alle aziende farmaceutiche internazionali di ottenere nuove brevetti in India per versioni aggiornate di medicinali esistenti, ha spiegato Pratibha Singh, legale della casa produttrice di farmaci generici Cipla. "Le autorizzazioni saranno date solo per invenzioni autentiche, quelle ripetitive non saranno concesse per modifiche minori a prodotti esistenti", ha detto Singh.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata