India, giovane fotogiornalista vittima di stupro di gruppo a Mumbai

Nuova Delhi (India), 23 ago. (LaPresse/AP) - Una giovane fotogiornalista di 22 anni ha subito uno stupro di gruppo in India, mentre un suo collega veniva legato e picchiato. L'episodio è avvenuto a Mumbai. Secondo quanto riferito dalla polizia la donna doveva scattare fotografie di una fabbrica tessile abbandonata a sud di Mumbai, quando cinque uomini le hanno offerto aiuto per ottenere il permesso di scattare immagini dentro il palazzo. Il commissario Satyapal Singh ha riferito ai giornalisti che i cinque uomini hanno legato le mani del collega fotoreporter con una cintura e hanno commesso la violenza di gruppo ai danni della donna. La ventiduenne si trova ora in condizioni stabili in ospedale. La polizia ha rilasciato identikit degli uomini, basandosi sulle descrizioni della donna e del suo collega, e ha formato diverse squadre per rintracciarli. Il commissario ha riferito che l'area dove è avvenuto l'attacco è molto isolata, e che i responsabili dell'aggressione potrebbero essere spacciatori di droga locali.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata