India, arrestati 13 esuli Tibet: manifestavano fuori ambasciata Cina

Nuova Delhi (India), 9 ott. (LaPresse/AP) - La polizia indiana ha arrestato 13 esuli tibetani che manifestavano fuori dall'ambasciata cinese a Nuova Delhi. Lo riferisce l'organizzazione non governativa Tibetan youth congress, aggiungendo che gli esuli manifestavano per esprimere solidarietà ai cinque tibetani che si sono dati fuoco nella provincia cinese di Sichuan nelle ultime due settimane in segno di protesta contro il governo di Pechino. I dimostranti hanno fatto sventolare bandiere tibetane e hanno cantato 'Free Tibet' e 'Vogliamo libertà'. Un agente della polizia indiana, M.P. Saini, ha spiegato che i 13 sono stati arrestati perché hanno violato la legge che proibisce a più di quattro persone di radunarsi nell'area intorno all'ambasciata.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata